ELISABETTA & FABIO

Nichelino, 6 Settembre 2019

Elisabetta e Fabio irradiano gioia in questo giorno magico. E’ tanto che aspettano di sposarsi e tutto è pianificato nei minimi dettagli. Il cielo minaccia pioggia, ma non sarà certo questo dettaglio a rovinare la festa.

 

Eli si prepara nell’appartamentino che la coppia condivide già da un po’ aiutata da sua sorella e dalla mamma, con qualche fugace intrusione anche del papà.

 

Trucco, parrucco, un’ultima spruzzata di lacca e via, finalmente si può indossare l’abito nuziale.

 

CERIMONIA CASTELLO DI NICHELINO

 

Gli sposi celebreranno la cerimonia in location nel sorprendente Castello di Nichelino: una splendida villa risalente agli inizi del ‘600 eretta come dimora estiva del più potente tenutario della città.

 

Elisabetta varca il cancello di Palazzo Occelli (questo il nome ufficiale del castello) e attraversa il giardino d’ingresso sottobraccio a papà, poi fa il suo ingresso nella cosiddetta Sala Carrozze ora adibita a luogo di cerimonia dove gli ospiti e soprattutto Fabio l’attende emozionato.

 

Il rito si svolge a lume di candela, cosa che rende ancora più magica l’atmosfera. Alcuni amici dicono due parole, si ride e ci si emoziona, poi il tocco finale è dato da un invitato cantante d’opera che, dall’alto della balaustra, intona un canto accompagnato al piano lasciando di stucco gli invitati.

 

Finalmente Elisabetta e Fabio sono marito e moglie!

 

RICEVIMENTO CASTELLO DI NICHELINO

 

Mentre gli invitati s’avvicinano all’aperitivo io e gli ospiti approfittiamo dei tantissimi angoli suggestivi della location per alcuni scatti insieme: dal grazioso giardino all’italiana, al bordo piscina, dal vasto prato all’inglese, al bosco che nasconde un piccolo corso d’acqua e un ponticello di legno.

 

Dopo aver raggiunto parenti e amici in alto i calici, si può brindare!

Non mancano i momenti di goliardia con un dono molto particolare fatto agli sposi composto da una scatola piena di strani indizi e, soprattutto, tante, tante monetine…

 

Durante la cena coinvolgo gli sposi in alcuni scatti per sfruttare appieno la cosiddetta bluehour, che fa risaltare alla grande, oltre alla bellezza degli sposi, anche la magnificenza della location.

 

Dopo il taglio della torta si aprono le danze durante le quali Elisabetta si esibisce in un’improvvisata ma eccellente tarantella.

 

Fotografare questi sposi è stata una grande esperienza ed io auguro loro che tutta la loro vita possa essere una grande esperienza! Alè!